Il Museo Quasimodiano

Il Museo Quasimodiano

Il Museo Quasimodiano

Nei locali dell’antica stazione ferroviaria di Roccalumera, appositamente ristrutturati, è ospitato il Museo Quasimodiano.
il museo è composto da tre ampie sale museali:
  • La prima sala riguarda la famiglia del Poeta e l’infanzia e gli studi di Salvatore Quasimodo. All’interno di questa sala sono conservati alcuni arredi della casa della famiglia Quasimodo a Roccalumera, in cui il poeta ha trascorso la sua infanzia, gli scritti giovanili di Quasimodo e documentazioni varie.
  • La seconda sala riguarda la vita del Poeta tra gli anni ’30 fino e gli anni ’50. All’interno di questa sala è conservata una corrispondenza privata con personalità e ammiratori, articoli di giornale, scritti, i certificati di lavoro, e i libri appartenuti Poeta.
  • La terza sala ospita lo studio originale dalla sua casa di Milano, sita in Corso Garibaldi 16.  Qui visitatori entreranno nell'”officina creativa” di Salvatore Quasimodo. Oltre agli arredi sono conservati: la laurea dell’Università di Messina (1960), alcune onorificenze concesse dal Presidente della Repubblica al Poeta,  gli oggetti che il poeta utilizzava quotidianamente (penne, radio, accendini, polaroid ecc.). Sempre in questa sala i visitatori potranno visionare filmati delle teche Rai e di televisioni estere, come la cerimonia di conferimento del Premio Nobel, concesse dalla Televisione Svedese, alcune interviste concesse in esclusiva alla RAI, e registrazioni del Poeta che declama le sue poesie.
Il percorso prosegue poi sul treno-museo.

I cimeli sono stati donati dal figlio del Poeta, Alessandro Quasimodo, Presidente Onorario del Parco Letterario Salvatore Quasimodo.